QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE E TECNOLOGIE SIMILI.

SU QUESTO DOMINIO UTILIZZIAMO I COOKIE PER MIGLIORARE I SERVIZI E L'ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE A TE RISERVATA. SCORRENDO QUESTA PAGINA, CLICCANDO SU UN LINK O PROSEGUENDO LA NAVIGAZIONE, ACCONSENTI AL LORO USO. SE VUOI SAPERNE DI PIU': CONSULTA LA NOSTRA COOKIE POLICY

ACCETTO

Paco74 e Cubeda Corse: ACCOPPIATA VINCENTE

Presenti all’ 8° Salita Cellara Colle d’Ascione, il team Paco74 e Cubeda Corse sfiorano la vittoria assoluta con Domenico Cubeda su Osella PA2000 Honda , e Giuseppe Corona,  al volante di un prototipo CN , Osella PA21/S. Entrambe le vetture sono curate minuziosamente da Pasquale Nolè, team Leader della Paco74 corse.

 

E' stata una super prestazione, quella di Domenico Cubeda, 2° a soli 8 decimi, che festeggia insieme all’altro etneo Giuseppe Corona. Dopo i weekend di Erice e Caltanissetta, entrambi condizionati da pioggia e anomalie tecniche varie che non gli hanno permesso di gareggiare in sicurezza, Cubeda ha potuto disputare quella che è a tutti gli effetti diventa la prima “vera” gara stagionale .

La performance pura non si è fatta attendere e sfruttando al meglio le prove del sabato, in gara-1 Domenico era perfino in vantaggio all’intermedio, seppure di 2 decimi, ma è stato fermato da una bandiera rossa per dell’olio sul tracciato. Il campione siciliano in carica ha così dovuto ripetere la prova ma a quel punto non ha più potuto sfruttare al massimo gli pneumatici. Poco male, il driver etneo è sempre apparso consapevole delle proprie chance senza sentire la pressione e alla fine ha colto uno splendido podio tutto da festeggiare a fine gara.

A salirci con lui il giovane Corona. Alla sua sola terza apparizione al volante di un prototipo CN, l’Osella PA21/S Honda anche questa curata dalla Paco74, con una gara strepitosa e un “tempone” in gara-1. Il catanese ha messo nella personale bacheca la prima vittoria di gruppo, impreziosita appunto dal terzo posto assoluto. Una vittoria che Giuseppe dedica al papà Giovanni, pilota molto apprezzato nell’ambiente delle auto storiche e che purtroppo non c’è più.

Fonte:tornante.it

 

>> Fotogallery