QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE E TECNOLOGIE SIMILI.

SU QUESTO DOMINIO UTILIZZIAMO I COOKIE PER MIGLIORARE I SERVIZI E L'ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE A TE RISERVATA. SCORRENDO QUESTA PAGINA, CLICCANDO SU UN LINK O PROSEGUENDO LA NAVIGAZIONE, ACCONSENTI AL LORO USO. SE VUOI SAPERNE DI PIU': CONSULTA LA NOSTRA COOKIE POLICY

ACCETTO

Secondo posto per Fabio Emanuele

E’ un secondo posto prezioso quello portato a casa da Fabio Emanuele nel 9° maxi slalom di Colle San Bartolomeo (IM), valido come prova del campionato italiano di specialità.

Il molisano ha dato il massimo fino all’ultima curva ma non è riuscito a salire sul gradino più alto del podio nonostante nella terza salita sia andato al limite. A frenarlo un’’imbarcata’ della sua Osella sul fondo stradale sconnesso, che gli ha fatto perdere secondi preziosi nella corsa alla prima piazza. A vincere è stato Salvatore Venanzio su Radical, terzo l’ottimo Luigi Vinaccia, autore di una gara regolare e molto positiva.

 

Fin dalla manche di ricognizione Emanuele è stato nelle primissime posizioni facendo registrare il terzo tempo dietro a Venanzio e Vinaccia (saranno proprio questi tre piloti a giocarsi la vittoria finale). Nel primo tratto cronometrato della giornata a staccare il miglior tempo è Vinaccia che precede Emanuele, Venanzio è più dietro a causa di una penalità. La lotta per la vittoria prosegue in maniera serrata anche nella seconda manche. Questa volta è Venanzio ad essere davanti a tutti con Emanuele che però è subito dietro. L’alfiere della Campobasso Corse si ferma a soli dodici centesimi dal gradino più alto, Vinaccia è terzo. Nell’ultima e decisiva salita Emanuele monta pneumatici nuovi e va al limite ma non riesce a staccare il miglior crono. Dalla Liguria il pilota molisano torna con un secondo posto eccellente e con la consapevolezza di aver dato tutto. Potenzialità e numeri non mancano di certo al pluri campione italiano che anche a Imperia ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per arrivare in fondo. “Sono contento di questo piazzamento e della gara in generale” spiega al termine della corsa il pilota campobassano che può guardare ai prossimi appuntamenti con grande tranquillità e fiducia.

Fonte: seitorri.it